Solidarietà

Cena contemporanea e antispreco; 10 giugno 2016

Cena contemporanea e antispreco; 10 giugno 2016

L’evento della “Cena Contemporanea” è una classica cena di autofinanziamento, ma con la particolarità di non essere limitata ad un singolo luogo, ma di essere invece diffusa sul territorio, in tanti posti diversi, ciascuno gestita da diverse realtà di qualunque tipo.

Lo scopo è contribuire, attraverso i fondi raccolto,  al prosieguo del progetto “-Scarti + Cibo e Lavoro”

Il giorno individuato per la cena contemporanea è venerdì 10 giugno, ma per particolari esigenze sarà possibile scegliere un diverso giorno tra il 9 e il 12 giugno.

Chiunque potrà proporsi come promotore di una delle cene contemporanee: un’organizzazione sociale o ricreativa all’interno della propria sede o in un diverso luogo, oppure un ristorante o una mensa, ma anche un privato cittadini che voglia invitare a casa propria alcuni amici per unirsi all’iniziativa di solidarietà.

Per proporsi (come singoli, associazioni, imprese o altro) tra gli organizzatori di una delle cene contemporanee occorre compilare il modulo a questo link, dopodichè forniremo man mano tutte le informazioni necessarie.

Per ulteriori informazioni: www.nonspreco.it

Posted by Giada Bellucci in eventi

Foto Colletta “Acqua e Sapone” 14/11/15

Ecco a voi le foto della colletta di beni per l’igiene della casa e della persona presso i punti vendita “Acqua e Sapone” della nostra Diocesi.

L’iniziativa è stata organizzata per il 14/11/15 dai negozi “Acqua e Sapone” delle regioni di Marche -Abruzzo-Molise-Lombardia. Ringraziamo di cuore per questo pensiero e questa collaborazione che ha permesso nuovamente di porre l’accento sulla solidarietà; fondamento per una società più giusta ed equa.

Ovviamente ringraziamo i volontari per il loro impegno gratuito in una giornata solitamente dedicata al riposo dopo la settimana lavorativa. In particolar modo ringraziamo i volontari delle Caritas Parrocchiali, Vicariali, Interparrocchiali di:
Cagli; Pergola; Fossombrone; Calcinelli; S.Cristoforo; Santa Famiglia; San Giuseppe al Porto; Gran Madre di Dio in San Lazzaro; San Cesareo; Santa Maria Goretti in Sant’Orso; Sacro Cuore di Gesù in Centinarola.

IMG-20151114-WA0005 IMG-20151116-WA0001 IMG-20151116-WA0002 IMG-20151116-WA0003

 

 

20151114_11134920151114_10573320151114_10564720151114_10570520151114_105714SAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURES SAMSUNG CAMERA PICTURES SAMSUNG CAMERA PICTURES SAMSUNG CAMERA PICTURES SAMSUNG CAMERA PICTURES SAMSUNG CAMERA PICTURES SAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURES SAMSUNG CAMERA PICTURES SAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURES SAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURESSAMSUNG CAMERA PICTURESIMG-20151104-WA0007

Posted by Giada Bellucci in Senza categoria
Colletta del 14/11/15 per l’igiene della casa e della persona nei punti vendita  “Acqua e Sapone”

Colletta del 14/11/15 per l’igiene della casa e della persona nei punti vendita “Acqua e Sapone”

Comunichiamo che durante  la giornata di sabato 14 novembre   si svolgerà presso i tutti i  punti vendita della catena “Acqua e Sapone” una colletta per la raccolta di beni per l’igiene della casa e della persona;  simile alla classica colletta alimentare annuale che si svolge da tempo a Novembre.
I beni raccolti nella nostra Diocesi rimarranno sul nostro territorio e redistribuiti presso le Caritas Parrocchiali  che si offriranno come volontarie nella gestione della giornata.

 

Posted by Giada Bellucci in eventi
Progetti  Avvento/Natale 2015: “Misericordia e Verità s’incontreranno”

Progetti Avvento/Natale 2015: “Misericordia e Verità s’incontreranno”

I fondi che saranno raccolti durante l’Avvento  2015 grazie alla generosità delle comunità Parrocchiali e non solo, saranno destinati a supportare i due progetti qui sotto elencati.

Uno di respiro internazionale, ma che si inserisce nel quotidiano delle nostre città e l’altro per sostenere un diritto fondamentale dei bambini e dei ragazzi.

Inoltre potete ordinare ed acquistare l’opuscolo per famiglie e il libro per bambini, prodotti da Caritas Italiana, per approfondire insieme il tema della Misericordia come Amore “viscerale”.

«La misericordia di Dio non è un’idea astratta – continua il Papa – ma una realtà concreta con cui egli rivela il suo amore come quello di un padre e di una madre che si commuovono fino dal profondo delle viscere per il proprio figlio. È veramente il caso di dire che è un amore “viscerale”. Proviene dall’intimo come un sentimento profondo, naturale, fatto di tenerezza e di compassione, di indulgenza e di perdono». – Papa Francesco

PROGETTO INTERNAZIONALE : RIFUGIATO A CASA MIA

Per rispondere  all’appello  di papa Francesco che invita i cristiani a farsi prossimi degli ultimi, i più vulnerabili, coloro che hanno alle spalle storie di migrazione forzata, perché “Ognuno (…) porta una storia di vita, ma porta soprattutto una ricchezza umana e religiosa, una ricchezza da accogliere, non da temere. E’ la fraternità che ci fa scoprire che sono una ricchezza, un dono per tutti! Viviamo la fraternità!”. Il progetto consiste nella sperimentazione di nuove forme d’accoglienza e integrazione di richiedenti asilo e rifugiati presso nuclei familiari o strutture parrocchiali/diocesane, in cui sia garantito un continuo tutoraggio e accompagnamento della persona accolta da parte di famiglie tutor e volontari. La Caritas diocesana si occuperà della supervisione delle accoglienze, garantendo quanto necessario all’integrazione tra i beneficiari, le famiglie e le comunità. La finalità è duplice: da una lato creare delle migliori condizioni di integrazione dei rifugiati e dall’altro coinvolgere e sensibilizzare le comunità all’accoglienza del prossimo con l’obiettivo di accompagnarlo durante un più specifico percorso verso l’autonomia. I beneficiari sono cittadini stranieri regolarmente soggiornanti con una storia di protezione (richiedenti asilo, rifugiati, protetti sussidiari, umanitari ecc.) individuati dalla Caritas diocesana.

 

PROGETTO DIOCESANO: VOGLIO ANDARE A SCUOLA

Caritas diocesana in questi ultimi anni ha verificato sia presso il proprio  Centro d’Ascolto sia presso i Centri d’ Ascolto vicariali/zonali e parrocchiali  le crescenti richieste da parte delle famiglie di sostegno nell’acquisto di libri e di materiale scolastico e  di abbonamenti autobus per recarsi  a scuola. Ritenendo che la scuola e l’istruzione, così come sancito dalla costituzione,  è un bene primario a cui tutti devono avere la possibilità di accedere, si prefigge con questo progetto di sostenere tutte quelle famiglie che a causa della ormai prolungata crisi economica rischiano, a causa dei costi che non possono sostenere, di dover negare il diritto all’istruzione ai propri figli.

 

 

 

Posted by Giada Bellucci in eventi
AVVENUTA INAUGURAZIONE  DEL CENTRO RICIBIAMO

AVVENUTA INAUGURAZIONE DEL CENTRO RICIBIAMO

INAUGURATO, A FANO IN VIA PIAVE, IL CENTRO “RiCiBiAmo”

“Promuovere la cultura della restituzione”

 

FANO – Non farsi prendere da ansie e allarmismi, evitare la cultura della pretesa e incentivare la cultura della restituzione. Queste le parole del Vescovo Armando, domenica 11 gennaio, all’inaugurazione del centro RiCibiAmo in via Piave, 13 che è parte del progetto biennale “- Scarti + Cibo & Lavoro”, finanziato con fondi CEI 8x mille della Caritas Italiana e della Fondazione 7 Novembre. “Non si tratta di una mensa – ha precisato il Vescovo – ma di un luogo decoroso per la raccolta, lo stoccaggio e la redistribuzione di prodotti alimentari e di beni di prima necessità a persone che si trovano in difficoltà. Vorrei, inoltre, sottolineare l’importanza di evitare la cultura della “pretesa”, che sta diventando il problema dei problemi, e di promuovere quella della restituzione. Noi, che la vita ci ha fatto capaci e forse anche più fortunati, abbiamo il dovere di restituire qualcosa a chi si trova nel bisogno. Inoltre – ha concluso il Vescovo – vorrei invitare tutti al rispetto per chi chiede la carità, poiché è un gesto, quello di chiedere la carità, davvero molto difficile”.

Il Vescovo ha espresso, poi, soddisfazione per il lavoro che la Caritas diocesana sta svolgendo a favore di coloro che si trovano in difficoltà. “Se chiudessimo le Caritas – ha evidenziato il Vescovo – ci sarebbe fame in assoluto”.

Angiolo Farneti, direttore della Caritas diocesana, è entrato nel merito del progetto. “Il progetto ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione, censire i potenziali fornitori, recuperare le eccedenze di supermercati, panifici, pizzerie, pasticcerie, negozi, mercato ortofrutticolo, agricoltori, ecc. e mettere in rete i soggetti distributori, ad esempio le Caritas parrocchiali, le opere segno, razionalizzare la distribuzione evitando abusi, accompagnare le famiglie, coinvolgere nel lavoro gli utilizzatori finali, ridurre i rifiuti e abbattere l’inquinamento ambientale. Caritas – ha proseguito Farneti – ha affidato parte della gestione alla Cooperativa sociale Gerico, esperta nella gestione dell’Emporio AE, che si occuperà, oltre che dell’educazione scolastica alla sobrietà, anche della gestione della piattaforma con cella frigorifera presso il magazzino N.5 del CODMA di Rosciano, utilizzato per lo stoccaggio e la distribuzione degli alimenti, anche deperibili, a parrocchie, mense, opere caritative, le quali avranno il compito di redistribuire quanto ricevuto ai bisognosi. Verranno salvaguardate tutte le forniture in essere con i Supermercati e alcuni alimenti cotti o deperibili verranno recapitati direttamente alle mense o opere caritative. La nuova sede – ha proseguito il direttore della Caritas diocesana – fa parte di un lascito testamentario alla Diocesi per opere caritative, che è stato ristrutturato dalla Diocesi (con una spesa di circa 120.000 euro) e dato in comodato gratuito alla Fondazione Caritas Fano Onlus per il servizio di distribuzione di generi alimentari, integrando la fornitura del Banco Alimentare, avviato nell’ambito di un progetto con un contributo di Fondi CEI di 67.000 euro. Sostenitori del Progetto Caritas sono il Banco Alimentare, Millevoci, Associazione Volontariato S. Paterniano, Protezione Civile e Ambito Territoriale”.

A gestire il centro “RiCiBiamo”, arredato con il contributo di Gibam e Oikos, saranno direttamente i volontari Caritas. Inizialmente il Centro “RiCibiAmo” sostituirà la distribuzione di pacchi cibo, attualmente distribuiti presso la sede della Caritas diocesana, e successivamente il servizio verrà aperto, sulla base delle disponibilità ed esigenze, ai soli utenti inviati dal Centro di Ascolto della Caritas diocesana. In futuro, non si esclude la possibilità di sperimentare la realizzazione in questa sede di un Emporio solidale di generi di prima necessità e di prodotti per l’infanzia.

Farneti, durante l’inaugurazione, ha offerto ai presenti una panoramica della attività della Caritas diocesana ovvero promuovere il volontariato e la cura la formazione dei volontari, assicurare l’animazione delle comunità sensibilizzandole anche sui temi della giustizia, pace, mondialità; gestisce alcuni interventi di aiuto come il microcredito e i tirocini formativi al lavoro nonché gli aiuti internazionali, elaborare ed effettuare progetti di aiuto concreto e di tipo promozionale per la realizzazione di opere segno e poi affida i servizi ad Associazioni e Cooperative, che si limita a coordinare e cui assicura parte del sostegno economico. Anche il sindaco di Fano Massimo Seri e l’assessore ai Servizi Sociali Marina Bargnesi non sono voluti mancare a questo importante appuntamento, ringraziando la Caritas diocesana per il lavoro che svolge e tutti i volontari presenti sul nostro territorio.

Presenti all’inaugurazione anche Roberto Zangheri, direttore direttore del Banco Alimentare Marche Onlus il quale ha illustrato il lavoro del Banco Alimentare nella nostra provincia e Michele Altomeni, coordinatore del progetto per conto della coop. Gerico, il quale ha annunciato la collaborazione con l’Auchan di Fano. “Nel giro di un mese, partiranno i recuperi di prodotti alimentari anche in questo ipermercato, che è il più grande della nostra città. Ci saranno tre ritiri settimanali ovvero ogni due giorni gli operatori della cooperativa Gerico andranno a recuperare tutto ciò che viene descaffalato. Questo per noi sarà solo l’inizio di altre collaborazioni che vorremmo attuare con i supermercati del nostro territorio”.

Posted by Giada Bellucci in eventi, Senza categoria