Solidarietà

Avvento 2018: Questo Povero grida e il Signore lo ascolta (Sal. 34,7)

Avvento 2018: Questo Povero grida e il Signore lo ascolta (Sal. 34,7)

Carissimi,

Il periodo liturgico dell’Avvento è tempo propizio per riscoprire il Mistero dell’Incarnazione e per rinvigorire il cammino di conversione personale e comunitario, con accento particolare all’impegno nella carità e all’attenzione verso il grido dei poveri.

La Caritas diocesana, come negli anni precedenti, ha preparato il materiale per l’animazione nelle parrocchie e per sperimentare la carità con gesti di condivisione che aiutino a testimoniare concretamente la fraternità e solidarietà:

1)  verso giovani meritevoli di famiglie bisognose della Diocesi per ottenere titoli di studio o patenti necessarie per trovare lavoro;

2) verso bambini pigmei del Burundi (CMD) per poter ottenere la carta d’identità necessaria per avere la possibilità di avere cure mediche, accesso a scuola e altri diritti.

Presso il Centro Diocesano saranno disponibili i Salvadanai da proporre alla comunità parrocchiale, e in particolare ai catechisti, per educare alla solidarietà e mondialità, e per raccogliere le offerte da destinare ai 2 Progetti riportati nella locandina.

 Potete trovare in questa pagina, in formato PDF,  la locandina dei progetti di Avvento e  il file del resoconto delle offerte aggiornato, ricevute in Avvento 2017 e Quaresima 2018, nonchè informazioni sulla loro destinazione.

 Ricordandovi che le offerte raccolte potranno essere versate o direttamente a mano all’Economato della Curia o accreditate sul C/C dedicato della Diocesi (IT 59 P 08519 24308 0140100820 ) specificando la causale “Avvento 2018”, o in Caritas Diocesana (in sede o sui Conti correnti riportati in calce), vi ringraziamo per l’attenzione e l’impegno, e con l’occasione porgiamo i più cordiali saluti.

Il Direttore A. Farneti,

l’Assistente Don M. Giardini e

la Equipe Diocesana

Clicca qui per il download del Riepilogo delle offerte di Avvento 2017 e Quaresima 2018 e per la locandina dei progetti di Avvento 2018

Posted by Giada Bellucci in in evidenza, news
Alla MEMO presentazione dei nuovi progetti di Servizio Civile in Caritas

Alla MEMO presentazione dei nuovi progetti di Servizio Civile in Caritas

Il 26 luglio alle ore 17.30 presso la MEMO- biblioteca Montanari di Fano, si svolgerà un incontro informativo e promozionale per conoscere, in attesa del nuovo bando, i progetti di servizio civile presso la Caritas Diocesana di Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola.

Il servizio civile è un anno che il giovane dedica a mettersi in gioco attraverso il servizio ai più fragili, alla formazione e alla difesa non violenta della patria.

E’ aperto a tutti i giovani tra i 18 e i 28 anni. 

Posted by Giada Bellucci in news, Senza categoria
Contrastiamo la povertà: la misura del REI

Contrastiamo la povertà: la misura del REI

Molte persone e famiglie che vengono incontrate dalle Caritas Parrocchiali, hanno il diritto di far domanda per l’accesso alla misura di contrasto alla povertà  denominata REI (reddito di inclusione sociale); che dal 1° GENNAIO 2018 ha sostituito il SIA ( sostegno per l’inclusione attiva) e l’ASDI (assegno di disoccupazione).

Il REI prevede un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa sotto la regia  dei servizi sociali del comune di residenza, volto al superamento della condizione di povertà; anche attraverso un contributo economico, erogato con una carta di pagamento elettronica. La richiesta deve essere fatta presso il Comune di residenza o eventuali altri punti di accesso indicati dai comuni.

Per l’accesso sono necessari dei requisiti specifici, residenziali, familiari, economici e di altra natura. Informarsi bene è il primo passo per esercitare e far conoscere questo diritto a favore dei più fragili.

Se volete saperne di più e aiutarci, cliccate e condividete gli allegati–>

Posted by Giada Bellucci in in evidenza, news
Progetti di Avvento 2017

Progetti di Avvento 2017

Per l’Avvento 2017 i fondi raccolti andranno a beneficio di queste due Progettualità:

 

PROGETTO DIOCESANO

 

DIRITTO ALLO STUDIO:  “Insegnare aiuta ad imparare l’arte della vita” 

Istruire è una delle opere di misericordia spirituale.

Per crescere non basta solo il cibo materiale, ma occorre anche nutrire la mente. Per questo l’istruzione è un diritto fondamentale, allo stesso livello del cibo, del vestiario e della casa.

Dopo due anni dalla proposta di questo progetto, abbiamo riscontrato presso i Centri d’ascolto di Caritas, siano essi diocesano, vicariali, zonali e parrocchiali, ancora una sempre crescente richiesta di aiuto nell’acquisto di libri di testo, materiale scolastico, abbonamenti per bus e mense scolastiche, tutto quello che occorre per garantire istruzione ai propri figli.  Promuovere questo progetto significa sostenere il futuro.

 

 

PROGETTO INTERNAZIONALE: “Tetti per le cappelle della parrocchia Santa Maria in Mozambico”

La parrocchia Santa Maria in Mozambico, dispone di 36 cappelle disperse nei 96 villaggi che ne fanno parte. Queste cappelle sono molteplici, in quanto oltre che luoghi di culto, servono per metà della settimana, come aule scolastiche, a causa della scarsità di scuole e aule nel distretto, inoltre sono lo spazio che la comunità utilizza per gli incontri e le riunioni di formazione catechistica e di vita.

Le cappelle nascono con una copertura in paglia, che con il tempo e gli agenti atmosferici si usura, quindi richiede una copertura in zinco molto più durevole, che garantisca riparo dalle intemperie. Questo materiale ha un costo, che  per la comunità  di Santa Maria non è raggiungibile a livello economico.

Promuovere il progetto dei tetti, significa sostenere la vita spirituale e sociale di questa comunità, che è a noi vicina per legami con la nostra diocesi e con il Centro Missionario Diocesano.

Posted by Giada Bellucci in news, Senza categoria
Raccolta Coop Allenaza 3.0 del 7 Ottobre: grazie!

Raccolta Coop Allenaza 3.0 del 7 Ottobre: grazie!

Coop Alleanza 3.0, ha invitato le Caritas presenti sul suo territorio a presidiare il 7 ottobre, una giornata di raccolta alimentare; presso i punti vendita di Fano, Lucrezia ed Urbino.

La nostra Diocesi, in particolar modo Caritas Diocesana di Fano e la Caritas Interparrocchiale di Calcinelli, hanno potuto così beneficiare di questo momento di condivisione e solidarietà.

Grazie alla generosità dei clienti e alla forza e grinta di 22 volontari, si sono raccolti generi alimentari e prodotti per l’igiene della persona e della casa che andranno a favore di famiglie, che vivono quotidianamente uno stato di fragilità e di bisogno.

Non è la prima volta che Coop Alleanza 3.0 ci affida questo dono prezioso, mostrando così sensibilità verso il problema della povertà e dell’indigenza.

Grazie all’opportunità di questo evento andranno a beneficio dei più bisognosi, per esempio 39 bottiglie d’olio, 439 prodotti per l’infanzia tra pannolini, omogeneizzati e tutto ciò che può essere utile in questa fase della vita, 388 prodotti a lunga conservazione, per non parlare di pasta, riso, biscotti e prodotti per l’igiene. Questi sono solo alcuni dei dati che attestano quanto il piccolo impegno di ognuno può fare tanto.

Ringraziamo chiunque, ha reso possibile questo piccolo miracolo.

 

Posted by Giada Bellucci in news
Halloween solidale nella Parrocchia San Cristoforo di Fano

Halloween solidale nella Parrocchia San Cristoforo di Fano

La Parrocchia di San Cristoforo rinnova anche quest’anno la tradizione di vivere un Halloween e una festa di Ogni Santi un po’ particolare e innovativa.

 

Tratto da:  http://www.sancristoforofano.it/torna-halloween-solidale/

VIDEO HALLOWEEN SOLIDALE

Cosa succede se i gruppi giovanili di una parrocchia incrociano la necessità di una comunità con la voglia di dare senso al loro far festa? Accade che nascono iniziative come Halloween solidale che, negli anni, si migliorano sia in termini organizzativi sia in risposta da parte dei parrocchiani.

Quello che accadrà sarà quindi un cliché consolidato nel tempo, proposto dal settore Giovani dell’Azione Cattolica assieme alla Caritas parrocchiale: dei giovani si aggireranno per le vie della parrocchia di San Cristoforo bussando alla porta di ognuno, chiedendo alimenti a lunga conservazione da devolvere alla Caritas parrocchiale. Niente denaro o altri oggetti di diversa natura. D’altronde non è necessario né sentirsi obbligati né pensare di dover regalare ingenti quantitativi di alimenti, ma solo quello che il cuore e la disponibilità permettono di donare.

L’appuntamento è dunque per il pomeriggio di martedì 31 ottobre 2017, dalle ore 15 alle 19:30.

I ragazzi si recheranno in visita in tutte quelle case a cui è stato consegnato il volantino che trovate allegato qui sotto. Se per vari motivi non si riuscisse a passare in qualche casa, ci scusiamo e vi informiamo che è possibile consegnare direttamente in parrocchia, nei giorni seguenti, gli alimenti che si pensava di donare in tale occasione.

 

 

Posted by Giada Bellucci in news
Avviso Distribuzione Prodotti Alimentari: disposizioni concerneti la donazione e la distribuzione di alimenti

Avviso Distribuzione Prodotti Alimentari: disposizioni concerneti la donazione e la distribuzione di alimenti

Download PDF –>Avviso Distribuzione Prodotti Alimentari

AVVISO DISTRIBUZIONE PRODOTTI ALIMENTARI

Ai sensi della legge 19 agosto 2016, n.166

“Disposizione concernenti la donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi”

ART. 2 DEFINIZIONI:

…….«termine minimo di conservazione»: la data fino alla quale un prodotto alimentare conserva le sue proprietà specifiche in adeguate condizioni di conservazione. Gli alimenti che hanno superato tale termine possono essere ceduti ai sensi dell’articolo 4, garantendo l’integrità dell’imballaggio primario e le idonee condizioni di conservazione;

«data di scadenza»: la data che sostituisce il termine minimo di conservazione nel caso di alimenti molto deperibili dal punto di vista microbiologico oltre la quale essi sono considerati a rischio e non possono essere trasferiti né consumati.

 

ART.3 CESSIONE GRATUITA DELLE ECCEDENZE ALIMENTARI A FINI DI SOLIDARIETA’ SOCIALE:

1. Gli operatori del settore alimentare possono cedere gratuitamente le eccedenze alimentari a soggetti donatari i quali possono ritirarle direttamente o incaricandone altro soggetto donatario.

2. I soggetti donatari di cui al comma 1 devono destinare, in forma gratuita, le eccedenze alimentari ricevute, idonee al consumo umano, prioritariamente a favore di persone indigenti.

3. Le eccedenze alimentari non idonee al consumo umano possono essere cedute per il sostegno vitale di animali e per la destinazione ad autocompostaggio o a compostaggio di comunità con metodo aerobico.

4. Gli alimenti che presentano irregolarità di etichettatura che non siano riconducibili alle informazioni relative alla data di scadenza o alle sostanze o prodotti che provocano allergie e intolleranze, possono essere ceduti ai soggetti donatari.

5. È consentita la cessione a titolo gratuito delle eccedenze di prodotti agricoli in campo o di prodotti di allevamento idonei al consumo umano ed animale ai soggetti donatari. Le operazioni di raccolta o ritiro dei prodotti agricoli effettuate direttamente dai soggetti donatari o da loro incaricati sono svolte sotto la responsabilità di chi effettua le attività medesime, nel rispetto delle norme in materia di igiene e sicurezza alimentare.

 

ART. 4 MODALITA’ DI CESSIONE DELLE ECCEDENZE ALIMENTARI: 

1.Le cessioni di cui all’articolo 3 sono consentite anche oltre il termine minimo di conservazione, purché siano garantite l’integrità dell’imballaggio primario e le idonee condizioni di conservazione.

2. Le eccedenze alimentari, nel rispetto dei requisiti di igiene e sicurezza e della data di scadenza, possono essere ulteriormente trasformate in prodotti destinati in via prioritaria all’alimentazione umana o al sostegno vitale di animali.

3. I prodotti finiti della panificazione e i derivati degli impasti di farina prodotti negli impianti di panificazione che non necessitano di condizionamento termico, che, non essendo stati venduti o somministrati entro le ventiquattro ore successive alla produzione, risultano eccedenti presso le rivendite di negozi, anche della grande distribuzione, i produttori artigianali o industriali, la ristorazione organizzata, inclusi gli agriturismi, e la ristorazione collettiva, possono essere donati a soggetti donatari.

EQUIPE CARITAS DIOCESANA

Posted by Giada Bellucci in in evidenza, news