Sala Pace

Il peso delle armi

Pubblicato il Rapporto di ricerca sui conflitti dimenticati di Caritas Italiana

Il Rapporto, giusto alla sua 6a edizione, continua un lavoro di ricerca avviato fin dal 2001 sui conflitti “dimenticati”, ossia lontani dai riflettori dei grandi media internazionali, ed è stato realizzato in collaborazione con “Avvenire“, “Famiglia Cristiana” e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR).
Il tema dell’edizione 2018 è quello delle armi e degli armamenti, affrontato da diversi punti di vista: la produzione e il commercio delle armi, il loro peso nel determinare i conflitti, il valore e il significato culturale delle armi nella cultura contemporanea, con particolare riguardo al mondo della comunicazione e della stampa, nonchè il grado di consapevolezza dei giovani e degli adulti. Come si legge nel Rapporto, nel corso del 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378. Di questi, sono 20 le guerre ad elevata intensità.
Il volume riporta anche i risultati di un sondaggio demoscopico SWG condotto sulla popolazione italiana e gli esiti di due rilevazioni statistiche, effettuate con la collaborazione del MIUR su un campione di studenti delle scuole medie inferiori: 1.783 studenti di 45 istituti scolastici, a cui si è affiancato un gruppo di oltre trecento giovani dell’Agesci impegnati nello scoutismo. Molti gli spunti di riflessione che emergono. Secondo il sondaggio SWG metà degli intervistati (60% tra i giovani), sarebbe favorevole a limitare la produzione italiana di armi, evitando soprattutto di esportare armi laddove c’è guerra. Dalla rilevazione tra gli studenti risulta inoltre che la grande maggioranza dei ragazzi considera la guerra come un “elemento evitabile”, da superare attraverso il progresso culturale. Inoltre solo il 13% non ritiene giusto accogliere le persone che lasciano la propria terra, in fuga dalla guerra.
Posted by Michela Pagnini in in evidenza, news
Report Caritas Diocesana 2018-Dati 2017: “Questo povero grida e il Signore lo ascolta” “Noi strumenti delle sue mani”

Report Caritas Diocesana 2018-Dati 2017: “Questo povero grida e il Signore lo ascolta” “Noi strumenti delle sue mani”

“L’anno 2017 è stato particolarmente impegnativo con un aumento del numero delle richieste e della gravità e complessità delle situazioni di povertà incontrate, in gran parte cronicizzate”.

Ha sintetizzato così il direttore di Caritas Diocesana, Angiolo Farneti, il Report 2018/Dati 2017 di Caritas Diocesana relativo al nostro territorio presentato martedì 13 novembre al Centro Pastorale Diocesano in previsione della Giornata Mondiale dei Poveri (domenica 18 novembre).

“Per sostenere tutte le attività – ha sottolineato Farneti dati alla mano – sono stati spesi nel 2017 625.000 euro di cui quasi 412.000 solo per la promozione umana. Nel 2017 per ogni euro donato a Caritas, il 77% è stato destinato a sostenere interventi diretti sul campo di promozione caritas, umana e mondialità”.

Farneti si è poi soffermato sulla funzione pedagogica della Caritas, sull’attenzione alla formazione per generare una nuova cultura di accoglienza e inclusione sociale e sull’importanza della collaborazione con gli enti presenti sul territorio al fine di rispondere ai problemi delle numerose persone in difficoltà. “Al di là dei dati – ha messo in evidenza il direttore di Caritas Diocesana – ci sono volti e persone che vorremmo sostenere con la legge dell’amore”.

La parola è poi passata a Stefania Poeta, responsabile dell’area promozione umana di Caritas Diocesana, che ha illustrato, in sintesi, ai presenti i dati del Centro di Ascolto frutto di un percorso condiviso con il Vescovo Armando, con l’equipe Caritas e i collaboratori. “Dall’antenna del Centro di Ascolto, il luogo di incontro e di servizio alle persone in difficoltà, nel 2017 i volontari e gli operatori hanno espresso una forte sensazione di affaticamento e di sconforto, ma anche la necessità di aiutare le persone a credere nelle loro potenzialità. L’incontro di 771 volti – ha proseguito la Poeta – che si sono presentati più volte fino a superare i 4.000 passaggi, un’affluenza mai vista prima, ha costretto ad aumentare sensibilmente le ore di ascolto ma anche il tempo per prendersi cura delle situazioni”.

Stefania Poeta ha affermato come le richieste di aiuto in generale abbiano spinto a modificare fortemente lo stile di lavoro del Centro di Ascolto. “Stiamo facendo anche un grande lavoro – ha concluso la Poeta – con le Caritas parrocchiali cercando di costruire risposte non standardizzate, ma percorsi nuovi nell’ottica della collaborazione”.

Michela Pagnini, responsabile dell’Area Pace e Mondialità di Caritas Diocesana, si è soffermata, nel suo intervento, sul tema dell’immigrazione. Forti dell’esperienza derivata dal progetto sperimentale “Protetto – Rifugiato a casa mia”, promosso da Caritas Italiana, avviato nel 2016 per l’accoglienza di 5 persone richiedenti asilo presso famiglie o parrocchie del territorio diocesano e proseguito nel 2017 con 3 di loro, Caritas ha deciso di avviare nel corso dell’anno un’azione di accompagnamento per adempimenti burocratico – amministrativi e di orientamento legale per persone richiedenti asilo. 33 sono stati i richiedenti asilo nel 2017 che si sono rivolti alla Caritas. Per quanto riguarda l’attenzione alla pace e alla mondialità Michela Pagnini ha illustrato brevemente i percorsi realizzati negli istituto scolatici del territorio nell’anno 2016/2017, percorsi che hanno coinvolto classi superiori, scuole primarie e dell’infanzia.

Laura Paolini, responsabile Area Giovani e Volontariato, ha messo in evidenza come nel corso del 2017 si siano sovrapposti due bandi che hanno visti impegnati per circa 30 ore settimanali per un anno 35 giovani in Servizio Civile in diversi ambiti e ha illustrato alcuni dati relativi al progetto  S.O.S. Servizio Orientamento Salute riscontrando che il 7.1% dei bisogni riscontrati da Caritas diocesana sono legati a dipendenze, problemi di salute e disabilità. 321 sono stati gli interventi in ambito sanitario di cui 86 visite mediche presso i due Centri di Salute Caritas (a Fano e a Ponte degli Alberi), 85 le persone prese a carico con problematiche socio-sanitarie, di cui 37 in completa assenza dei requisiti d’accesso al Sistema Sanitario Nazionale.

Posted by Giada Bellucci in in evidenza, news
I temi della migrazione e della cittadinanza a Fano: prossimi appuntamenti

I temi della migrazione e della cittadinanza a Fano: prossimi appuntamenti

Mercoledì 12 Settembre 2018, ore 21.00, presso la Sala della Pace
“Via da casa”, riflessione sul perchè migriamo.
Una narrazione di Francesco Montanari.
 
Dal 21 Settembre al 20 ottobre, dalle ore 15.00 alle ore 18.00, presso la Biblioteca Federiciana e la Sala della Concordia,
“Attivisti per i diritti di cittadinanza”
Percorso di formazione e informazione sui diritti di cittadinanza e i dilemmi della società multiculturale.
Posted by Giada Bellucci in news
Giornata del Creato 2018

Giornata del Creato 2018

Sabato 1 settembre, presso l’Abbazia Benedettina di San Lorenzo in Campo, ci sarà la celebrazione diocesana della Giornata per la Custodia del Creato, in comunione con i fratelli cristiani della regione.

Il pomeriggio di  riflessione inizierà alle ore 17.00 e si concluderà con un momento di convivialità in collaborazione con la pro loco di San lorenzo in Campo.

Maggiori dettagli nella locandina.

Posted by Giada Bellucci in eventi, news
Prossimi eventi

Prossimi eventi

Giovedì 24 Maggio, ore 21:00, presso la Sala della Pace, via Rinalducci 11, Fano
“GAZA: ultima fermata” – la violazione del Diritto Internazionale e dei Diritti umani a Gaza e in Palestina
Incontro pubblico e videoconferenza con Angelo Stefanini

Sabato 26 Maggio, presso il Bastione Sangallo, via Mura Sangallo, Fano
“ARTE: linguaggio di pace”
Programma della serata:
ore 17:30 apertura spazio espositivo e laboratoriale per adulti e bambini
ore 18:30 musica e letture per la pace: voce di Elisa Ridolfi, chitarra di Riccardo Bertozzini
a seguire buffet gratuito

Posted by Giada Bellucci in eventi, news
Marcia per la Pace e la Fraternità a Fano

Marcia per la Pace e la Fraternità a Fano

Domenica 22 aprile alle ore 9.00 avrà luogo, con partenza da Via della Giustizia e arrivo all’Eremo di Monte Giove, la Marcia per la Pace e la Fraternità. L’evento, in preparazione della Marcia Perugia-Assisi del 7 ottobre 2018, ha il Patrocinio del Comune di Fano ed è promosso da numerosi enti e associazioni .

Per adesioni e informazioni: ICS “Padalino” 0721801439; psic830007@istruzione.it

Scarica la locandina–> locandina-pace-tracciati

Posted by Giada Bellucci in eventi, news
Corso di formazione: “Diverso io, diverso tu, ma diversi da chi?”

Corso di formazione: “Diverso io, diverso tu, ma diversi da chi?”

E’ in arrivo  a partire da aprile un nuovo corso di formazione per animatori delle Caritas Parrocchiali e non solo. Le tematiche, saranno trattate a partire dallo sguardo della relazione d’aiuto, ovvero del farsi prossimo al fratello, approfondendo argomenti molto attuali e concreti. Il corso è stato pensato per venire incontro alle esigenze di ascolto e di chiarificazione su alcuni aspetti della realtà, incontrati sia dagli animatori delle Caritas Parrocchiali, sia da chiunque presti un servizio in parrocchia o voglia semplicemente approfondire un tema “caldo”.

Gli incontri si terranno nell’ orario del dopo cena, dalle ore 21.00 alle ore 23.00, presso la “Sala della Pace”, a fianco del Centro d’Ascolto di Caritas Diocesana in Via Rinalducci 11 a Fano.

Incontreremo assieme la diversità sotto diverse vesti e sfumature, per riconoscerla e declinare la nostra vicinanza ai fratelli, in base alle caratteristiche dei suoi aspetti di fragilità.

Locandina scaricabile in PDF –>locandina-corso

Le date:

5 aprile: Gli altri: le fragilità 1
con Nadia Ben Hassen
Incontro volto ad approfondire le tematiche dell’immigrazione e del contesto culturale all’interno della relazione d’aiuto.

19 aprile: La relazione d’aiuto nelle emergenze
con Andrea Piscopo
Un’opportunità per focalizzarsi sulla relazione d’aiuto nelle emergenze entrando nella concretezza dell’esperienza del terremoto, che purtroppo ci ha toccato tutti da vicino.

3 maggio: Gli altri: le fragilità 2 -le dipendenze
Con Alessia Guidi
Purtroppo la piaga delle nuove dipendenze, come il gioco d’azzardo patologico  e le dipendenze da internet , si fanno sempre più sentire all’interno delle nostre comunità. Approfondiamo insieme la conoscenza di questa fragilità. 

31 maggio: Gli altri :le istituzioni
Con Andrea Mancini
Per creare veri percorsi promozionali per i poveri che incontriamo è necessario lavorare in rete, perciò quest’incontro approfondisce alcuni elementi utili per una comunicazione efficace con gli enti pubblici e gli altri soggetti del territorio.

 

Posted by Giada Bellucci in eventi, news
Scuola di Pace 2018

Scuola di Pace 2018

Quest’anno  la Scuola di Pace “Carlo Urbani” compie 15 anni. Quattro interessanti sabato pomeriggi tra febbraio e marzo, per accompagnarci e farci discutere attorno a temi caldi e forti perché, come ci ricorda Papa Francesco, “Per la Pace ci vuole coraggio”.

Scuola di Pace è promossa dall’Associazione Giustizia e Pace Onlus, dalle ACLI provinciali, dall’Azione Cattolica Diocesana, dall’Associazione Banca del Gratuito, dall’Associazione Un mondo a quadretti, da L’Africa Chiama, dal Circolo Culturale Bianchini, dalla Fondazione Caritas Fano Onlus, dal MIR (Movimento Internazionale della Riconciliazione), dall’Ufficio pastorale per i problemi sociali e il lavoro, dal Centro Missionario Diocesano, dall’associazione L’Alveare, dall’APITO, dall’Ufficio Migrantes.

SABATO 10 FEBBRAIO 2018 ORE 16.30, CENTRO PASTORALE DIOCESANO, VIA ROMA 118, FANO
Le schiave scintillanti; Tratta delle donne, turismo sessuale e nuove schiavitù
con Silvestro Montanaro

SABATO 17 FEBBRAIO 2018 ORE 16.30, MEDIATECA MONTANARI, P.ZZA AMIANI FANO
Disarmo? cominciamo dal nucleare; Il disarmo nucleare
con Lisa Clark

SABATO 24 FEBBRAIO 2018 ORE 16.30, CENTRO PASTORALE DIOCESANO, VI AROMA 118, FANO
Il folle sogno di Neve Shalom – Wahat al Salam; La questione palestinese
con Brunetto Salvarani

SABATO 3 MARZO 2018 ORE 16.30, CENTRO PASTORALE DIOCESANO, VIA ROMA 118, FANO
La preghiera della chiesa per Pietro in carcere; Comunità ecclesiale e carcere
con Don Daniele Simonazzi

Maggiori dettagli e info sulle locandine.

pieghevole-pace-18-jpieghevole-pace-18-j-2

Posted by Giada Bellucci in eventi, news
Marcia e Veglia della Pace: Sabato 27 gennaio ore 15.30

Marcia e Veglia della Pace: Sabato 27 gennaio ore 15.30

Sabato 27 Gennaio si terrà la Marcia e Veglia per la pace, organizzata dall’Azione Cattolica Diocesana e dalla Caritas Diocesana insieme, unendo le due tradizionali iniziative che fino ad oggi si tenevano in momenti diversi.
Il programma prevede alle ore 15.30 l’arrivo all’anfiteatro Rastatt, alle ore 16.15 la testimonianza di Matthias Canapini, fotoreporter in luoghi di guerra; alle ore 16.30 partirà la marcia che raggiungerà la chiesa di Santa Maria Nuova dove, alle ore 17.30, si terrà la Veglia per la pace. 

A conclusione della giornata, alle ore 19 è previsto un momento di fraternità per la riapertura del centro di documentazione “Sala della Pace”, realtà attiva dal 2007 ma rimasta chiusa negli ultimi anni per lavori, che si propone come scopo, attraverso iniziative e la disponibilità di più di millecinquecento libri, quello di documentare ed informare sui temi dell’educazione alla Pace, salvaguardia del Creato, giustizia e cittadinanza attiva. 

Posted by Michela Pagnini in news
Caritas Diocesana e i giovani: un nuovo anno di servizio civile volontario

Caritas Diocesana e i giovani: un nuovo anno di servizio civile volontario

Un nuovo anno di servizio civile al volontariato è iniziato per 20 giovani che hanno fatto domanda nell’ente Caritas. I progetti coinvolti in questo nuovo anno riguardano il Centro d’ascolto diocesano, il centro documentazione “Sala della pace”, un centro diurno per minori gestito dall’Associazione “Volontari nella solidarietà” e tre oratori parrocchiali di Fenile, San Lazzaro e Torrette di Fano.

Il percorso che i giovani si trovano a percorrere è formato in gran parte dal servizio ai poveri, ai giovani e ai più piccoli della società, prevalentemente nel territorio della nostra diocesi; dall’altra è un percorso di formazione personale per una crescita professionale e globale del giovane.

Alcuni dei giovani provengono da diverse parti della nostra diocesi ed altri da fuori. L’obiettivo è quello di cercare di formare loro ad uno sviluppo ed una conoscenza della sfera Caritas che possa un domani essere concretizzato in maniera capillare nei territori dove vivono, sensibilizzandoli ai compiti e al mandato che contraddistinguono Caritas, promozione Umana, promozione Caritas e Pace Mondialità.

Nell’anno dedicato al Sinodo sui giovani, auguriamo loro un anno ricco di scoperte, soddisfazioni e di grande crescita umana e professionale, accompagnati sempre dalle figure di riferimento che li accompagnano in maniera accurata e con grande passione.

Posted by Giada Bellucci in news