Sala Pace

Il peso delle armi

Pubblicato il Rapporto di ricerca sui conflitti dimenticati di Caritas Italiana

Il Rapporto, giusto alla sua 6a edizione, continua un lavoro di ricerca avviato fin dal 2001 sui conflitti “dimenticati”, ossia lontani dai riflettori dei grandi media internazionali, ed è stato realizzato in collaborazione con “Avvenire“, “Famiglia Cristiana” e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR).
Il tema dell’edizione 2018 è quello delle armi e degli armamenti, affrontato da diversi punti di vista: la produzione e il commercio delle armi, il loro peso nel determinare i conflitti, il valore e il significato culturale delle armi nella cultura contemporanea, con particolare riguardo al mondo della comunicazione e della stampa, nonchè il grado di consapevolezza dei giovani e degli adulti. Come si legge nel Rapporto, nel corso del 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378. Di questi, sono 20 le guerre ad elevata intensità.
Il volume riporta anche i risultati di un sondaggio demoscopico SWG condotto sulla popolazione italiana e gli esiti di due rilevazioni statistiche, effettuate con la collaborazione del MIUR su un campione di studenti delle scuole medie inferiori: 1.783 studenti di 45 istituti scolastici, a cui si è affiancato un gruppo di oltre trecento giovani dell’Agesci impegnati nello scoutismo. Molti gli spunti di riflessione che emergono. Secondo il sondaggio SWG metà degli intervistati (60% tra i giovani), sarebbe favorevole a limitare la produzione italiana di armi, evitando soprattutto di esportare armi laddove c’è guerra. Dalla rilevazione tra gli studenti risulta inoltre che la grande maggioranza dei ragazzi considera la guerra come un “elemento evitabile”, da superare attraverso il progresso culturale. Inoltre solo il 13% non ritiene giusto accogliere le persone che lasciano la propria terra, in fuga dalla guerra.
Posted by Michela Pagnini in Pubblicazioni Osservatorio
Report Caritas Diocesana 2018-Dati 2017: “Questo povero grida e il Signore lo ascolta” “Noi strumenti delle sue mani”

Report Caritas Diocesana 2018-Dati 2017: “Questo povero grida e il Signore lo ascolta” “Noi strumenti delle sue mani”

“L’anno 2017 è stato particolarmente impegnativo con un aumento del numero delle richieste e della gravità e complessità delle situazioni di povertà incontrate, in gran parte cronicizzate”.

Ha sintetizzato così il direttore di Caritas Diocesana, Angiolo Farneti, il Report 2018/Dati 2017 di Caritas Diocesana relativo al nostro territorio presentato martedì 13 novembre al Centro Pastorale Diocesano in previsione della Giornata Mondiale dei Poveri (domenica 18 novembre).

“Per sostenere tutte le attività – ha sottolineato Farneti dati alla mano – sono stati spesi nel 2017 625.000 euro di cui quasi 412.000 solo per la promozione umana. Nel 2017 per ogni euro donato a Caritas, il 77% è stato destinato a sostenere interventi diretti sul campo di promozione caritas, umana e mondialità”.

Farneti si è poi soffermato sulla funzione pedagogica della Caritas, sull’attenzione alla formazione per generare una nuova cultura di accoglienza e inclusione sociale e sull’importanza della collaborazione con gli enti presenti sul territorio al fine di rispondere ai problemi delle numerose persone in difficoltà. “Al di là dei dati – ha messo in evidenza il direttore di Caritas Diocesana – ci sono volti e persone che vorremmo sostenere con la legge dell’amore”.

La parola è poi passata a Stefania Poeta, responsabile dell’area promozione umana di Caritas Diocesana, che ha illustrato, in sintesi, ai presenti i dati del Centro di Ascolto frutto di un percorso condiviso con il Vescovo Armando, con l’equipe Caritas e i collaboratori. “Dall’antenna del Centro di Ascolto, il luogo di incontro e di servizio alle persone in difficoltà, nel 2017 i volontari e gli operatori hanno espresso una forte sensazione di affaticamento e di sconforto, ma anche la necessità di aiutare le persone a credere nelle loro potenzialità. L’incontro di 771 volti – ha proseguito la Poeta – che si sono presentati più volte fino a superare i 4.000 passaggi, un’affluenza mai vista prima, ha costretto ad aumentare sensibilmente le ore di ascolto ma anche il tempo per prendersi cura delle situazioni”.

Stefania Poeta ha affermato come le richieste di aiuto in generale abbiano spinto a modificare fortemente lo stile di lavoro del Centro di Ascolto. “Stiamo facendo anche un grande lavoro – ha concluso la Poeta – con le Caritas parrocchiali cercando di costruire risposte non standardizzate, ma percorsi nuovi nell’ottica della collaborazione”.

Michela Pagnini, responsabile dell’Area Pace e Mondialità di Caritas Diocesana, si è soffermata, nel suo intervento, sul tema dell’immigrazione. Forti dell’esperienza derivata dal progetto sperimentale “Protetto – Rifugiato a casa mia”, promosso da Caritas Italiana, avviato nel 2016 per l’accoglienza di 5 persone richiedenti asilo presso famiglie o parrocchie del territorio diocesano e proseguito nel 2017 con 3 di loro, Caritas ha deciso di avviare nel corso dell’anno un’azione di accompagnamento per adempimenti burocratico – amministrativi e di orientamento legale per persone richiedenti asilo. 33 sono stati i richiedenti asilo nel 2017 che si sono rivolti alla Caritas. Per quanto riguarda l’attenzione alla pace e alla mondialità Michela Pagnini ha illustrato brevemente i percorsi realizzati negli istituto scolatici del territorio nell’anno 2016/2017, percorsi che hanno coinvolto classi superiori, scuole primarie e dell’infanzia.

Laura Paolini, responsabile Area Giovani e Volontariato, ha messo in evidenza come nel corso del 2017 si siano sovrapposti due bandi che hanno visti impegnati per circa 30 ore settimanali per un anno 35 giovani in Servizio Civile in diversi ambiti e ha illustrato alcuni dati relativi al progetto  S.O.S. Servizio Orientamento Salute riscontrando che il 7.1% dei bisogni riscontrati da Caritas diocesana sono legati a dipendenze, problemi di salute e disabilità. 321 sono stati gli interventi in ambito sanitario di cui 86 visite mediche presso i due Centri di Salute Caritas (a Fano e a Ponte degli Alberi), 85 le persone prese a carico con problematiche socio-sanitarie, di cui 37 in completa assenza dei requisiti d’accesso al Sistema Sanitario Nazionale.

Posted by Giada Bellucci in news
I temi della migrazione e della cittadinanza a Fano: prossimi appuntamenti

I temi della migrazione e della cittadinanza a Fano: prossimi appuntamenti

Mercoledì 12 Settembre 2018, ore 21.00, presso la Sala della Pace
“Via da casa”, riflessione sul perchè migriamo.
Una narrazione di Francesco Montanari.
 
Dal 21 Settembre al 20 ottobre, dalle ore 15.00 alle ore 18.00, presso la Biblioteca Federiciana e la Sala della Concordia,
“Attivisti per i diritti di cittadinanza”
Percorso di formazione e informazione sui diritti di cittadinanza e i dilemmi della società multiculturale.
Posted by Giada Bellucci in eventi
Giornata del Creato 2018

Giornata del Creato 2018

Sabato 1 settembre, presso l’Abbazia Benedettina di San Lorenzo in Campo, ci sarà la celebrazione diocesana della Giornata per la Custodia del Creato, in comunione con i fratelli cristiani della regione.

Il pomeriggio di  riflessione inizierà alle ore 17.00 e si concluderà con un momento di convivialità in collaborazione con la pro loco di San lorenzo in Campo.

Maggiori dettagli nella locandina.

Posted by Giada Bellucci in eventi
Prossimi eventi

Prossimi eventi

Giovedì 24 Maggio, ore 21:00, presso la Sala della Pace, via Rinalducci 11, Fano
“GAZA: ultima fermata” – la violazione del Diritto Internazionale e dei Diritti umani a Gaza e in Palestina
Incontro pubblico e videoconferenza con Angelo Stefanini

Sabato 26 Maggio, presso il Bastione Sangallo, via Mura Sangallo, Fano
“ARTE: linguaggio di pace”
Programma della serata:
ore 17:30 apertura spazio espositivo e laboratoriale per adulti e bambini
ore 18:30 musica e letture per la pace: voce di Elisa Ridolfi, chitarra di Riccardo Bertozzini
a seguire buffet gratuito

Posted by Giada Bellucci in eventi