rifugiati

Biclettata per la Pace a Fano

Biclettata per la Pace a Fano

Domenica 1 Ottobre alle ore 10,30 ci ritroveremo tutti insieme presso la Tensostruttura del Lido di Fano (Via C. Simonetti) mappa per la Biciclettata per la pace.

 

Grandi e piccoli andranno per le vie della città e il lungomare.

Il rientro sarà presso la tensostruttura per le ore 12.00.

A seguire Flash mob “Palloncini in volo per un messaggio di pace”
Ed infine saluti delle autorità e rinfresco.

Questo evento fa parte  della SETTIMANA AFRICANA 2017 (XX° edizione).

Per saperne di più leggi il programma –>http://www.lafricachiama.org/home2.html?view==article&id=799&catid=16

 

 

Posted by Giada Bellucci in eventi, news
Ciclo di Incontri “Immigrazione e Povertà: chi parte, chi fugge, chi accoglie”- Parrocchia Santa Maria Goretti in Sant’Orso

Ciclo di Incontri “Immigrazione e Povertà: chi parte, chi fugge, chi accoglie”- Parrocchia Santa Maria Goretti in Sant’Orso

La Caritas Parrocchiale “Santa Maria Goretti”, nel quartiere Sant’Orso di Fano,  in collaborazione con la Caritas Diocesana, è lieta di invitarVi al Ciclo di Incontri “Immigrazione e Povertà: chi parte, chi fugge, chi accoglie”.
Gli incontri si terranno presso i locali parrocchiali e con la presenza di esperti, testimoni, relatori e sacerdoti sarà un’ occasione di dialogo, confronto e formazione aperto a tutti, su un tema importante, delicato ed attuale.
Il primo incontro sarà SABATO 8 APRILE alle ore 17.00 con la presenza dell’associazione Papa Giovanni XXIII, direttamente impegnata nel servizio nelle terre della fuga come Siria e Libano e del Vicario Pastorale don Marco Presciutti. 
Termineremo la serata insieme con una Cena Etnica con la presenza di piatti tipici Africani.
Per poterci organizzare al meglio chiediamo gentilmente l’adesione alla cena entro GIOVEDI’ 6 APRILE ore 12.00.
Tutte le altre informazioni nella locandina allegata

 

Posted by Giada Bellucci in eventi, news, Senza categoria
Corso di formazione sul tema della migrazione: Incontro e conosco, quindi accolgo

Corso di formazione sul tema della migrazione: Incontro e conosco, quindi accolgo

Scarica : Brochure corso immigrazione

Giovedì 10 novembre alle 16.30 prende il via il corso di formazione INCONTRO E CONOSCO, QUINDI ACCOLGO con il primo incontro, dal titolo “Le cause delle migrazioni”.

Il corso tratta le tematiche dell’accoglienza e dell’immigrazione. E’ rivolto a tutti, in particolare ai volontari e operatori delle Caritas parrocchiali e associazioni in stretto contatto con le realtà dell’accoglienza di stranieri, migranti e richiedenti asilo.
Il corso è in fase di accreditamento dall’Ordine Assistenti Sociali Marche per n.25 C.F.
Tutti gli incontri si terranno a Fano, in Via Roma 118, presso il Centro Pastorale Diocesano.

 

Posted by Giada Bellucci in news, Senza categoria
Progetto “Warm Up”: il calore della Misericordia

Progetto “Warm Up”: il calore della Misericordia

In occasione dell’ultimo Convegno Nazionale di Caritas Italiana, è stata presentata l’iniziativa “Warm Up”. Letteralmente -riscaldare- in lingua inglese.

L’obiettivo è donare ulteriore sostegno alle ricerche in mare dei profughi che attraversano il Mediterraneo.

Questa è un’ulteriore risposta sul fronte dell’accoglienza; infatti i migranti recuperati in mare si trovano in condizioni difficili, stanchi, affamati e a rischio ipotermia. Quest’ ultima è una condizione clinica che causa l’arresto cardiaco, dovuta a permanenza con protezione inadeguata, per lungo tempo,  in ambienti particolarmente freddi come il mare.

Il primo stock di 1000 kit ( composti di tute, biancheria intima  e scarpe) è stato acquistato da Caritas Germania.

E’ necessario, per la vita di questi fratelli,  continuare con la fornitura  di ulteriori kit.

Vi invitiamo quindi  a comunicarci la vostra eventuale disponibilità al sostegno dell’iniziativa.

Il costo di ogni kit è 20 euro.

Banca Popolare Etica, Via Parigi 17, Roma

IBAN: IT29 UO50 1803 2000 0000 0011 113

BIC/SWIFT:CCRTIT84A

Per maggiori informazioni contattare l’Ufficio Immigrazione di Caritas Italiana: immigrazione@caritas.it

 

 

 

Posted by Giada Bellucci in news
Giornata mondiale del Rifugiato, 20 Giugno 2016

Giornata mondiale del Rifugiato, 20 Giugno 2016

Il 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato, appuntamento annuale voluto dall’ Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che da oltre dieci anni ha come obiettivo la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla condizione, spesso sconosciuta ai più, di questa particolare categoria di migranti.

La città di Fano con le sue associazioni, organizza un momento di riflessione alla pista di pattinaggio; il 20 giugno presso il Lido di Fano alle ore 18:30.

Siete tutti invitati a partecipare.

Posted by Giada Bellucci in news
Emergenza migrazioni:i piani d’azione UE-Turchia, la situazione siriana e i diversi fronti della crisi greca

Emergenza migrazioni:i piani d’azione UE-Turchia, la situazione siriana e i diversi fronti della crisi greca

Venerdì 18 marzo è stato sancito, tra i 28 leader europei e il premier turco Ahmet Davutoglu, l’accordo bilaterale per la gestione dell’emergenza migranti.

La  paura che la Grecia possa diventare un enorme serbatoio di disperati ha dato un’accelerata all’accordo. I cinque suoi  pilastri , articolati in 9 punti, sono nell’ordine: rimpatri in Turchia, divieto di espulsioni collettive, meccanismo 1+1, liberalizzazione dei visti e aiuto economico della Turchia.

Tanti i dubbi e la complessità delle decisioni adottate; l’ufficio immigrazioni di Caritas Italiana ha elaborato un’attenta analisi sui contenuti e le possibili conseguenze dell’ dell’accordo UE – Turchia. Per esempio: esistono attualmente, per i profughi che fuggono dalle guerre, vie regolari per entrare in UE passando per la Turchia?Come si conciliano le accuse mosse da molti paesi europei al governo di Ankara,  riguardo alla suo non rispetto di alcuni diritti fondamentali, con il trasferimento coatto in Turchia dei profughi giunti in Grecia irregolarmente?

Questo nuovo accordo rischia di creare enormi ingorghi nei rimpatri ed i profughi, pur di fuggire dalle guerre, potrebbero indirizzarsi su altre rotte molto più pericolose;  come quelle del Mediterraneo, gestite di fatto da trafficanti di esseri umani, implementando così il loro potere ed i loro  guadagni. Note sono le perplessità  riguardo l’inefficacia dimostrata fino ad oggi, dei meccanismi del “ricollocamento ” (resettlement) e del “reinsediamento” (relocation). Evidente è la mancanza di volontà politica dei paesi che dovrebbero accogliere volontariamente i rifugiati, secondo le quote elaborate lo scorso anno dalla Commissione europea.

L’ammissione della Turchia all’UE deve avvenire attraverso il reale rispetto dei diritti e delle libertà, come quella di stampa, attualmente mancanti in Turchia. Gli accordi presi, anche in altri ambiti, di fatto mostrano un mercanteggiare l’ingresso nell’Unione sulla pelle dei rifugiati negoziando e “prezzando” i diritti umani, comportamento avallato e incoraggiato proprio dalla UE.

In questo scenario i “cacciati e rifiutati”  profughi siriani, dei quali si racconta l’esodo in un dossier di Caritas Italiana, stanno vivendo il quinto anno di “terza guerra mondiale combattuta a pezzetti”, che si sta svolgendo anche e sopratutto in Siria. Questo conflitto coinvolge ben 97 attori, tra fazioni politiche, milizie e stati. Sul campo, si trovano su fronti opposti anche i due grandi  blocchi del mondo occidentale -Usa e Russia- e i due grandi blocchi del mondo “mondo arabo “- Arabia Saudita ed Iran-.  Gli interessi in ballo sono il più grande bacino di idrocarburi nel mondo, una nuova leadership mondiale e la nuova leadership regionale.

La Grecia, per tanto, è preda dei diversi volti della crisi riportati in un documento di Caritas Italiana, tra emergenza profughi e crisi economica. Un dato su tutti, 50.000 rifugiati attualmente bloccati in questo stato, di cui 13.250 solamente nel tristemente noto villaggio di Idomeni, ai confini con la Macedonia. Contemporaneamente Caritas Italiana, oltre al sostegno alla popolazione migrante, sta promuovendo dal 2012 progetti per la popolazione locale, sia con attività di sostegno al reddito sia con attività di sviluppo di imprenditoria sociale.

Posted by Giada Bellucci in news
Spettacolo di teatro sociale: Rumore di acque

Spettacolo di teatro sociale: Rumore di acque

Si svolgerà il giorno Mercoledì 9 marzo 2016, alle ore 21.00, presso la Chiesa di Santa Maria della Misericordia in Cartoceto uno spettacolo ad ingresso  gratuito, organizzato dall’associazione culturale AEnigma, con il patrocinio di Amnesty International e della Cooperativa “Labirinto”.

L’opera è dedicata alla questione dei profughi e alla tragedia dei morti nel Mediterraneo.

 

 

Posted by Giada Bellucci in news
L’accoglienza possibile

L’accoglienza possibile

Giorgia e Mauro vengono da Faenza e sono genitori di tre splendidi bambini.

Domenica 13 marzo alle ore 16.00, presso la Chiesa di Sant’Andrea di Suasa, ci testimonieranno la loro esperienza di Famiglia Accogliente.

Le Famiglie hanno la possibilità di aprirsi alla  Misericordia attraverso mille modi possibili; grazie alla fantasia creativa dello Spirito Santo.

In quest’occasione ascolteremo come è possibile vivere la condivisione e l’Amore  attraverso il progetto Protetto-Rifugiato a casa mia.

Accoglienza Possibile

Posted by Giada Bellucci in news
Progetti  Avvento/Natale 2015: “Misericordia e Verità s’incontreranno”

Progetti Avvento/Natale 2015: “Misericordia e Verità s’incontreranno”

I fondi che saranno raccolti durante l’Avvento  2015 grazie alla generosità delle comunità Parrocchiali e non solo, saranno destinati a supportare i due progetti qui sotto elencati.

Uno di respiro internazionale, ma che si inserisce nel quotidiano delle nostre città e l’altro per sostenere un diritto fondamentale dei bambini e dei ragazzi.

Inoltre potete ordinare ed acquistare l’opuscolo per famiglie e il libro per bambini, prodotti da Caritas Italiana, per approfondire insieme il tema della Misericordia come Amore “viscerale”.

«La misericordia di Dio non è un’idea astratta – continua il Papa – ma una realtà concreta con cui egli rivela il suo amore come quello di un padre e di una madre che si commuovono fino dal profondo delle viscere per il proprio figlio. È veramente il caso di dire che è un amore “viscerale”. Proviene dall’intimo come un sentimento profondo, naturale, fatto di tenerezza e di compassione, di indulgenza e di perdono». – Papa Francesco

PROGETTO INTERNAZIONALE : RIFUGIATO A CASA MIA

Per rispondere  all’appello  di papa Francesco che invita i cristiani a farsi prossimi degli ultimi, i più vulnerabili, coloro che hanno alle spalle storie di migrazione forzata, perché “Ognuno (…) porta una storia di vita, ma porta soprattutto una ricchezza umana e religiosa, una ricchezza da accogliere, non da temere. E’ la fraternità che ci fa scoprire che sono una ricchezza, un dono per tutti! Viviamo la fraternità!”. Il progetto consiste nella sperimentazione di nuove forme d’accoglienza e integrazione di richiedenti asilo e rifugiati presso nuclei familiari o strutture parrocchiali/diocesane, in cui sia garantito un continuo tutoraggio e accompagnamento della persona accolta da parte di famiglie tutor e volontari. La Caritas diocesana si occuperà della supervisione delle accoglienze, garantendo quanto necessario all’integrazione tra i beneficiari, le famiglie e le comunità. La finalità è duplice: da una lato creare delle migliori condizioni di integrazione dei rifugiati e dall’altro coinvolgere e sensibilizzare le comunità all’accoglienza del prossimo con l’obiettivo di accompagnarlo durante un più specifico percorso verso l’autonomia. I beneficiari sono cittadini stranieri regolarmente soggiornanti con una storia di protezione (richiedenti asilo, rifugiati, protetti sussidiari, umanitari ecc.) individuati dalla Caritas diocesana.

 

PROGETTO DIOCESANO: VOGLIO ANDARE A SCUOLA

Caritas diocesana in questi ultimi anni ha verificato sia presso il proprio  Centro d’Ascolto sia presso i Centri d’ Ascolto vicariali/zonali e parrocchiali  le crescenti richieste da parte delle famiglie di sostegno nell’acquisto di libri e di materiale scolastico e  di abbonamenti autobus per recarsi  a scuola. Ritenendo che la scuola e l’istruzione, così come sancito dalla costituzione,  è un bene primario a cui tutti devono avere la possibilità di accedere, si prefigge con questo progetto di sostenere tutte quelle famiglie che a causa della ormai prolungata crisi economica rischiano, a causa dei costi che non possono sostenere, di dover negare il diritto all’istruzione ai propri figli.

 

 

 

Posted by Giada Bellucci in news