Ad Ottobre nuovo corso di formazione in due moduli

Caritas Diocesana nel tentativo di ascoltare e andare in contro alle esigenze di chi è a servizio delle comunità parrocchiali, ha strutturato un percorso formativo suddiviso in due moduli.
Naturalmente, questi momenti saranno  aperti a tutti  e sarà possibile partecipare anche in maniera “incrociata” o assitere semplicemente a quelli ritenuti più utili e interessanti.
Per partecipare non è strettamente necessario far parte del gruppo caritas, ma per servizio riteniamo qualsiasi forma di amore e cura nei confronti dei membri della comunità.
Un modulo di questo corso di formazione,  si svolgerà a partire dal 5/10 presso la Parrocchia San Paolo Apostolo al Vallato, pensato in quattro incontri per la zona pastorale della Vicaria I (Fano).
E’ indirizzato a coloro i quali svolgono da poco il loro servizio o che vorrebbero iniziare a svolgerlo.
L’altro modulo di formazione è composto da 5 incontri, inizierà a partire dal 10/10 presso i locali della Parrocchia San Marco a Pergola, è aperto alle Vicarie IV,  V (Cagli, Pergola) e centro interparrocchiale di San Michele al Fiume.
Uditori saranno quei volontari e “amici” con alle spalle un servizio più maturo e strutturato.
 Maggiori dettagli nelle locandine.
Per info: info@caritasfano.net; tel: 0721827351 chiedendo di Loredana o Giada
corso_csv_vallato_2017corso_csv_pergola_2017

Assemblea Pastorale Diocesana 2017

Download PDF –>assemblea_diocesana_2017

Pubblichiamo il programma dell’assemblea diocesana di VENERDI 15 SETTEMBRE, che si terrà a Fano presso il Centro Pastorale Diocesano (Via Roma 118) a partire dalle ore 19.00.
E’ un  evento significativo per tutta la famiglia diocesana.
Nella locandina trovate anche altri due importanti appuntamenti di formazione che si terranno il 18 e 19 settembre e il 4 ottobre prossimi.

 

assemblea_dioc_sett_17

Giornata internazionale della Carità: preghiere per uno sviluppo integrale dell’uomo

Tratto da: –> Caritas Italiana

Alla vigilia della Giornata internazionale della Carità che si celebra il 5 settembre, data in cui, venti anni fa, moriva Santa Teresa di Calcutta, in un periodo in cui l’attenzione alla povertà è richiamata dalla consueta Giornata internazionale di lotta alla povertà che cade il 17 ottobre e in vista della Prima Giornata Mondiale dei Poveri, indetta da Papa Francesco per il prossimo 19 novembre, per sottolineare la dimensione contemplativa dell’incontro con i poveri Caritas Italiana pubblica on line “PER UNO SVILUPPO INTEGRALE DELL’UOMO” (.pdf).
È  una raccolta di preghiere scritte dagli operatori e dai componenti dei Gruppi Nazionali di Caritas Italiana, espressione delle regioni e delle Caritas diocesane. Il senso di queste preghiere è spiegato nell’introduzione: “Agiamo, coinvolgiamo, sensibilizziamo, animiamo, promuoviamo, formiamo, crediamo nella Carità. E preghiamo DioCarità, perché senza Lui, non possiamo fare nulla. Tramite Maria e i grandi Santi della carità chiediamo aiuto, chiediamo la carità alla Carità. Lo chiediamo con parole nostre, semplici”.  In particolare il concetto di sviluppo umano integrale – che ha spinto Papa Francesco ad istituire uno specifico Dicastero – rappresenta la cornice e definisce i luoghi entro cui le azioni del nostro ministero si collocano, oltre che le relative modalità con le quali queste vanno ad interagire tra di loro, affinché il seme della Parola di Dio, inserita nel contesto di un mondo che registra cambiamenti epocali, ottenga sempre l’effetto della creazione buona, che soltanto la Carità di Dio concepisce e genera. Nella piena consapevolezza che tale sviluppo non potrà mai attuarsi se non si coniugano tra loro le grandi tematiche che sono sempre state oggetto della nostra attenzione pastorale e sociale: giustizia, pace, salvaguardia del creato. In questa prospettiva sottolineiamo ancora che il concetto di sviluppo umano integrale implica un impegno “emancipativo”, teso cioè a favorire il protagonismo di ogni persona nella comunità, a partire dai più poveri e meno tutelati, proprio perché il termine persona deve comprendere sempre relazione, inclusione, dignità, libertà.
Davanti agli 800 milioni di poveri assoluti “siamo chiamati – esorta Papa Francesco nel Messaggio per la Giornata Mondiale dei Poveri – a tendere la mano…, a incontrarli, guardarli negli occhi, abbracciarli, per far sentire loro il calore dell’amore che spezza il cerchio della solitudine. La loro mano tesa verso di noi è anche un invito ad uscire dalle nostre certezze e comodità, e a riconoscere il valore che la povertà in sé stessa costituisce”.
La Caritas, oltre ad attivarsi affinché nelle varie Diocesi l’invito venga accolto e declinato in proposte e iniziative, ha messo a punto un report di analisi sulle politiche di contrasto alla povertà che pubblicherà a ridosso della consueta Giornata internazionale di lotta alla povertà (17 ottobre); inoltre, proprio a sottolineare l’impegno comune su questo tema, ha organizzato per il 17 novembre la presentazione congiunta del Rapporto “Futuro anteriore”, su povertà giovanili ed esclusione sociale in Italia, e dei Rapporti povertà di Malta e Portogallo, con anticipazioni del Rapporto “Cares” 2018 di Caritas Europa.
La Giornata internazionale è stata istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel dicembre 2012 per affermare come “la carità può contribuire alla promozione del dialogo tra persone di diverse culture e religioni, come pure la solidarietà e la comprensione reciproca”. La data scelta, il 5 settembre, commemora l’anniversario della morte nel 1997 di Madre Teresa di Calcutta, Premio Nobel per la Pace nel 1979, «la cui vita e le opere buone per alcuni dei più poveri e più vulnerabili membri della famiglia umana sono un’ispirazione e un esempio enorme», ha ricordato l’allora Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon

Conclusione Mensa SOS-itutiva 2017

Un profondo sentimento di ringraziamento ha animato lunedì sera l’incontro conclusivo della Mensa SOS-titutiva organizzata dalla Caritas diocesana tenutosi a Fano presso i locali della parrocchia Gran Madre di Dio a cui hanno preso parte utenti e volontari per condividere un momento di fraternità e preghiera. Un servizio improntato alla gratuità e all’attenzione verso gli ultimi e i più bisognosi che nel caldo mese di agosto ha coinvolto ben 60 volontari della nostra Diocesi, provenienti non solo dalla città di Fano, impegnati per 28 giorni consecutivi nella realizzazione del servizio sostitutivo in occasione della chiusura estiva della mensa di San Paterniano. Oltre un migliaio di ore di volontariato, a cui si aggiunge l’aiuto a turni di 3 cuoche per la preparazione del pasto giornaliero. E’ stato così possibile distribuire ben 1224 pasti a 108 ospiti complessivi. Grazie alla collaborazione della parrocchia si è potuto offrire un servizio dignitoso alle persone e permettere ai volontari di sperimentare sé stessi nella cura e nell’amore verso i poveri. Un ringraziamento sentito va anche ai numerosi donatori e benefattori che quest’anno hanno reso possibile realizzare e migliorare il servizio: Montanari Navigazione, Sugo Rosso, Arte Bianca, Gramaccioni, Moschin e altri singoli benefattori. Dopo un iniziale momento di preghiera e di ringraziamento, la serata si è conclusa con la consegna a tutti i partecipanti di un piccolo regalo di ringraziamento e la cena condivisa. L’incontro è stato inoltre una gradita occasione per presentare ai volontari anche altre proposte di impegno e volontariato, come il servizio presso Casa Betania, struttura di accoglienza per senza fissa dimora e presso la mensa di San Paterniano.

 

Anniversario terremoto Centro italia

In occasione del 1° anniversario del terremoto nel Centro Italia (24/08/16) e del 20° anniversario di quello precedente che colpì le Marche (26/09/97), Caritas Marche ha preparato una serie di documenti e video per aiutare le comunità diocesane e parrocchiali a pregare e a non dimenticare le popolazioni colpite e l’importanza di una buona custodia del creato.

 

banner-social-media-24-agosto

 

Giornata mondiale dei poveri, 19 novembre 2017: “Non amiamo a parole ma con i fatti”

Tratto da: Caritas Italiana

Riportiamo il Messaggio di presentazione della I Giornata Mondiale dei Poveri  - istituita da Papa Francesco al termine del Giubileo della Misericordia e che si celebrerà quest’anno il 19 novembre 2017 – nel quale viene proposto il tema  “Non amiamo a parole ma con i fatti”, riprendendo, in filigrana, tutto il suo apostolato.

In primo luogo nel titolo, c’è il richiamo alla concretezza: «Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità» (1 Gv 3,18) che fa riecheggiare quanto disse a Firenze ai vescovi e alla Chiesa italiana:

- “Non mettere in pratica, non condurre la Parola alla realtà, significa costruire sulla sabbia, rimanere nella pura idea e degenerare in intimismi che non danno frutto, che rendono sterile il suo dinamismo”-.

Il Papa richiama tutti i temi sensibili già trattati nei documenti del suo Magistero.

I poveri sono persone da incontrare, accogliere, amare. La povertà non è un’entità astratta, ma “ha il volto di donne, di uomini e di bambini sfruttati per vili interessi, calpestati dalle logiche perverse del potere e del denaro. Davanti a questi scenari, il Papa ci chiede di non restare inerti e rassegnati, ma di “rispondere con una nuova visione della vita e della società”.

È dunque un appello a contribuire in modo efficace al cambiamento della storia generando e promuovendo vero sviluppo, secondo quanto enunciato dalla Populorum Progressio, fino ad arrivare alle recenti attenzioni tramite la costituzione Dicastero “Per lo sviluppo umano integrale”.

Un appello alla necessità di perseguire il bene comune, nella comunione e nella condivisione, altro termine fondamentale. È nella costruzione della comunione attraverso la condivisione infatti che la comunità si accorge di chi è ai margini e si adopera per accogliere, o ri-accogliere chi non siede alla mensa del banchetto eucaristico. Nel Padre nostro, ci ricorda il Papa, “il pane che si chiede è “nostro”, e cioè da condividere, nella consapevolezza che l’amore verso il povero trova radice in Dio. I poveri, insieme all’Eucarestia, sono carne viva di Cristo.

In quest’ottica i poveri e la povertà più che un problema, sono una risorsa a cui attingere per accogliere e vivere l’essenza del Vangelo, ripensando i nostri stili di vita, rimettendo al centro le relazioni fondate sul riconoscimento della dignità umana come codice assoluto.

Al punto n.4 del Messaggio il Santo Padre sottolinea che “per i discepoli di Cristo la povertà è anzitutto una vocazione a seguire Gesù povero…che conduce alle Beatitudini”. Quasi un manifesto per la buona riuscita della vita cristiana: “La povertà è un atteggiamento del cuore che impedisce di pensare al denaro, alla carriera, al lusso come obiettivo di vita e condizione per la felicità. È la povertà, piuttosto, che crea le condizioni per assumere liberamente le responsabilità personali e sociali, nonostante i propri limiti, confidando nella vicinanza di Dio e sostenuti dalla sua grazia”.

Infine un nuovo richiamo alla concretezza con l’invito alle comunità cristiane, nella settimana precedente la Giornata Mondiale dei Poveri, “a creare tanti momenti di incontro e di amicizia, di solidarietà e di aiuto concreto”. Su questo, come Caritas, siamo chiamati ad attivarci affinché nelle varie Diocesi l’invito venga accolto e declinato in proposte e iniziative.

 

 

Avviso di convocazione bando servizio civile 24/05/17

CONVOCAZIONE SELEZIONI BANDO 24/05/2017 per i candidati che hanno presentato domanda per i progetti della Caritas Diocesana di Fano.

Data di selezione 12 luglio 2017.

Clicca sul link–>

http://essecicaritasmarche.webnode.it/news/convocazione-selezioni-bando-24-05-2017/



Generazioni in…consapevoli? Si discute di coscienza critica a Bellocchi di Fano

 

Generazioni in…consapevoli?” è il tema dell’incontro in programma venerdì 16 giugno, alle ore 21, presso la Sala Don Lorenzo Milani (via I Strada – Bellocchi). Un appuntamento, organizzato dall’Ufficio diocesano per i problemi sociali e il lavoro e dall’associazione Il Paese dei Balocchi, per conoscersi, confrontarsi e condividere alcuni dei temi più interessanti per lo sviluppo di una coscienza “critica” rispetto alla realtà che viviamo.

 

Dopo il saluto di don Giuseppe Cavoli, parroco di San Sebastiano, e l’introduzione a cura di Federica Rossi dell’associazione “Il Paese dei Balocchi”, seguiranno gli interventi di Francesco Gesualdi dell’associazione “Centro Nuovo Modello di Sviluppo” e del Vescovo Armando.

 

La serata sarà condotta da Gabriele Darpetti, Direttore dell’Ufficio diocesano per i problemi sociali e il lavoro.

locandina-generazioni-inconsapevoli

Aperto il bando per il Servizio Civile Nazionale: dal 24 maggio al 26 giugno è possibile presentare la domanda

Il 24 maggio si è aperto il bando per il Servizio Civile Nazionale.

Un anno di servizio civile può essere:

  • un anno di pausa, di riflessione e orientamento rispetto a scelte di vita sociale, professionale,familiare;
  • un anno di partecipazione alla vita della comunità, di cittadinanza attiva e di difesa della Patria a partire dai più deboli;
  • un anno di condivisione e di relazioni, con altri giovani e con persone in situazione di povertà, disagio, emarginazione;
  • un anno di crescita personale e di arricchimento sul piano professionale, di formazione e di confronto attorno ai valori della pace e della solidarietà.

La Caritas Diocesana di Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola mette a disposizione 20 posti così suddivisi:

  • 6 posti nel progetto “COSTRUIRE” servizio di assistenza al disagio adulto presso la sede del Centro si Ascolto Diocesano della Caritas Diocesana 
  • 4 posti nel progetto “OLTRE I CONFINI” attraverso attività di educazione e promozione alla pace presso la Sala della Pace, centro documentazione della Caritas Diocesana 
  • 4 posti nel progetto “STEP BY STEP 3” attraverso attività di educazione e promozione culturale verso gli adolescenti presso il Centro Diurno e Centro Documentazione dell’Associazione Volontari nella Solidarietà 
  • 6 posti nel progetto “UNA CASA PER TUTTI” attraverso attività di educazione e promozione culturale nei centri di aggregazione presso gli oratori delle parrocchie di :

Parrocchia San Paolo Apostolo Torrette (2 posti);
Parrocchia Gran Madre di Dio (2 posti)
Parrocchia Santi Pietro e Andrea in Fenile (2 posti)

PUOI TROVARE TUTTI I TESTI DEI PROGETTI CARITAS, PROCEDURE SELETTIVE E MODULI PER LA DOMANDA, SUL BLOG: –> 
http://essecicaritasmarche.webnode.it/progetti/fano/

PUOI TROVARE TUTTI I PROGETTI A BANDO: –> www.serviziocivile.gov.it

CRITERI DI AMMISSIONE (vedi Art.3 del bando):

  • Età compresa fra i 18-28 anni
  • Non aver avuto condanne penali
  • Cittadini italiani e stranieri regolarmente soggiornanti

PER AVERE PIU’ INFORMAZIONI E PER SAPERNE DI PIU’ SONO STATE PROGRAMMATI DEGLI INCONTRI INFORMATIVI NEI GIORNI: 

  • Martedì  6 – 13 – 20  giugno ore 17.00
  • Giovedì   8 – 15 – 22 giugno ore 11.00

Presso i nuovi locali della Fondazione Caritas Fano Via Fanella 93, (ingresso di fronte Aset, adiacente al Consultorio)

 

 Come si fa??? Basta presentare la domanda per un solo progetto

SCADENZA DEL BANDO

26 GIUGNO ORE 14:00

 

Per Info: Laura Paolini & Ilenia Maracci

tel. 0721/827351 cell. 338/6621295-347/6237342;

e-mail: giovani.caritasfano@gmail.com

FAI IL DOWNLOAD DEL PIEGHEVOLE!!!!–>pieghevole__2017ragazza_scv