Sentimenti

Resilienza e umanità

 

Come le onde del mare che incontrano e abbracciano costantemente la spiaggia, così anche le mode, gli eventi, i neologismi e le abitudini mutano si modificano giungendo alla ribalta per più o meno tempo.
Ora pare sia la volta del concetto di “resilienza”, molto in voga e proposto spesso in vari e differenti contesti e situazioni.

A dir la verità penso che di tale capacità se ne faccia già un largo utilizzo ogni giorno anche senza coscienza o senza poter dare un nome a tale fenomeno.

Il termine resilienza deriva dal latino “resalio” (risalgo) e si può ritrovare applicato a diversi campi specialistici: in quello della metallurgia ad esempio, in cui indica la capacità di un corpo di resistere alle forze d’urto. Questo ci fa dunque riflettere su quanto la nostra persona possa apparire come un essere plasmabile, forte, resistente, caparbio nella tempesta.

Tutti abbiamo difficoltà eterogenee nella vita: di ogni genere, tipo e quantità.

Ne abbiamo sentore in maniera differente poiché ognuno le esterna a proprio modo o non le manifesta affatto portandosele dietro come un fardello saldato al cuore… ma i guai, come gli anni, spesso ci sono anche quando fingono di essere di meno.

Negli ultimi tempi forse gli eventi negativi, le brutte notizie, la bruttura della vita sono stati amplificati in maniera abnorme per via dei social e della tecnologia e ciò ha fatto si che le loro dimensioni possano apparire davvero di elevata misura e quantità.

Di riflesso, ciò ci obbliga a sviluppare un talento, un senso, una capacità che forse prima era latente o non così allenato, poiché oggi la vita ci si riempie di guai, angoscia e problemi ai quali occorre trovare una soluzione o quantomeno tentare di circumnavigarli con cuore e cervello.

Il dolore plasma noi stessi, obbligandoci a generare corazze protettive e sviluppare una sensibilità maggiore rispetto a chi fortunatamente non è avvezzo a difficoltà o rispetto a uno stato di benessere vissuto in precedenza.

Dicono che la resilienza non sia da confondere con la forza di volontà, ma a me paiono comunque tutti membri di una medesima famiglia, in cui ogni parte, ogni organo, ogni fibra debba aiutarsi per risollevarsi e addirittura trasformare ciò che è negativo in positività per non affondare e ripiegarsi perdenti su se stessi.

Forse la resilienza è una caratteristica insita nell’essere umano, ciò che utilizziamo nei momenti bui e disperati, nelle difficoltà quando neppure siamo coscienti di avere tale potere e tale forza d’animo.

È l’attaccamento alla vita, l’istinto di sopravvivenza, la lotta alla mera mediocrità, oggi tutto sotto il nome Resilienza.

 

Cristina Tonelli.

 

Posted by Michela Pagnini in Sentimenti, Silenzio di Parole

La parola amica

la-parola-amica

 

Pier paolo Pasolini diceva che la solitudine sta nel non poter comunicare, anche Cicerone ed io siamo in armonica sintonia con questo pensiero. Amicizia, legame, benevolenza a questi sinonimi voglio allineare i miei pensieri aggiungendo ascolto, compassione, empatia e condivisione. Crescere un’amicizia che perduri negli anni e che rimanga fedele ai suoi principi è impresa assai difficile. Guardandomi attorno ed ispirandomi ai miei genitori, ho solo da capire che per il momento devo seminare, curare ed annaffiare i semi dell’amicizia che posso piantare aiutata infine dalle parole che imprimo su questo schermo.

Nell’amicizia non c’è chi dona maggiormente e chi meno, c’è solo chi dona secondo le proprie possibilità. Anche Verga sceglie di raccontare la comunione di Malpelo con il suo giovane amico. Mi capita spesso di trovarmi nella possibilità di ricevere e non disporre momentaneamente di niente da dare in cambio. È la mia vita che spesso si presenta in questo modo, ho scelto la parola per essere vicina ai miei amici, per condividere con loro le pazze nozioni del mio cervello. Essermi vicino a volte è un sacrificio e lo capisco ma ho trovato in questi anni chi ha avuto la tenacia di grattare la superficie ed iniziare insieme il percorso che porta all’amicizia. A volte gli amici vanno per la loro strada, a volte tornano ma sono certa che sempre ad aspettarli mi troveranno.

Gli amici li immagino come le onde del mare:vanno e vengono,si allontanano poi tornano… ma prima o poi ci ritroviamo insieme in momenti belli e rigeneranti.

Può passare un amore,una passione… ma famiglia e amici servono al nostro spirito come pane e aria.

 

Cristina Tonelli

Posted by Michela Pagnini in Sentimenti, Silenzio di Parole

La fisicità… solo un dettaglio

   septian-simon-286552-unsplash

Siamo oggigiorno sempre più schiavi di un mondo attratto da falsi miti e credenze… un mondo che ci spinge a correre dietro tendenze, costumi e fisicità… che ci disorienta su ciò che dobbiamo essere e ciò che vogliamo essere… è facile perdersi in questi circoli viziosi…

A noi donne è spesso richiesto di farne parte, per non incorrere nel rischio di esserne tagliate fuori… dobbiamo essere sempre in forma, mangiare cibi sani e a basso contenuto calorico, ben truccate, niente capelli fuori dai binari… insomma un continuo fiume in piena e del nostro animo quanto resta?? Dei nostri desideri, passioni, delle nostre fragilità…

Forse viviamo in una sorta di limbo colmo di paradossi… dove convivono l’obbligo di eccellere in ogni campo, di non fallire mai, di dipendere sempre meno dal genere maschile, affermarsi in maniera esponenziale e, al medesimo tempo, agghindarsi e abbellirsi fino anche alla trasformazione fisica comprensiva di chirurgia invasiva per compiacere coloro dei quali bramiamo affetto ed attenzione.

Ci mettiamo in gioco e in dubbio anche nel fisico, e più per gli altri che per noi stessi… non accettando difetti di sorta, figuriamoci imperfezioni disabili e limitanti.

Siamo abituati da media e spot a considerare normale l’essere omologati, standardizzati, tutti uguali in un corpo che contiene stesse idee e stessi valori.

Al contrario, necessiteremmo di artigianalità nei nostri fisici, di far sì che siano unici anche con le loro imperfezioni.

Necessitiamo di un po’ di tranquillità di spirito, la quale comprende meno competizione e più personale soddisfazione.

Cristina Tonelli

 

 

 

 

 

 

 

Posted by Michela Pagnini in Sentimenti, Silenzio di Parole

La bellezza di essere nati

boris-smokrovic-145963

Ognuno di noi nasce senza chiederlo, senza essere da prima interpellato… ci troviamo catapultati in un mondo ricco di suoni, odori, sapori, colori diversamente identificabili da ognuno di noi… e in questo mondo così variegato scriviamo la storia della nostra vita.

Il mondo ci assorbe con le sue mode, le sue tendenze, le sue idee che lasciano poco spazio all’individuo e alla sua vera essenza… chi non corre al suo stesso ritmo, per svariati motivi o per limiti innati, resta sistematicamente indietro.

Siamo sempre alla ricerca della perfezione, del superfluo, sempre a rincorrere ciò che non abbiamo, spesso insoddisfatti delle nostre vite, delle nostre famiglie…

Siamo condizionati dalle mode, da quanti likes riusciamo a raggiungere con i nostri selfie, i nostri stati o i nostri video bizzarri… tutto in mostra.

Ma ciò che mettiamo alla mercé degli altri siamo realmente noi o ciò che gli altri ci richiedono di essere?

Ma può esserci sempre un momento della vita in cui andare contro corrente, in cui mostrare al mondo talenti sconosciuti spesso anche a noi stessi…

Amiamoci di più e fermiamoci ad assaporare la bellezza di un sorriso, di un abbraccio, di tramonti su orizzonti marini… buona vita a ciascuno di noi!

 Cristina Tonelli

Posted by Michela Pagnini in Sentimenti, Silenzio di Parole

L’arte di amare

love-parigiL’amore scatena in noi una molteplicità di colori, di  profumi e sensazioni primaverili, che si abbattono su di noi come una tempesta tropicale …

Lo stomaco si trova rapito da farfalle volteggianti, ci sembrerà di essere al comando di aeroplani impazziti, o di trovarci su interminabili montagne russe ..

Sentirai di essere su altri pianeti che conosci solo per bocca di altri..

Si creano legami chimici di elementi sconosciuti, che si devono ben bilanciare cercando di non incorrere nel rischio di esplosioni assai pericolose..

Sembra un compito semplice da portare a termine, ma richiede cure ed attenzioni continue …

L’amore ci conquista, rigenera, modifica, ci fa crescere, ci cura …

Ciò che realmente può esserci di aiuto è portare la propria essenza senza il timore di essere eclissati dall’altro …

 

Cristina Tonelli

 

Posted by Michela Pagnini in Sentimenti, Silenzio di Parole