News dal Mondo

Hikikimori: una nuova evasione dal mondo.

hikikomoriitalia-1140x641

Ph: www.magzine.it

Il diffondersi sempre più celermente e in maniera diffusa del fenomeno Hikikimori che parte dall’Oriente per dilagare ormai anche in Europa sta iniziando a preoccupare studiosi,sociologi ma soprattutto genitori di millennials sempre più connessi ma sempre meno presenti.

Si tratta di giovani menti,ragazzi e ragazze a cui la natura tutto ha dato,che si riducono a passare i migliori anni della loro vita  rinchiusi dentro ad una camera,senza voglia o desiderio di vedere gente,di interagire con terze persone,di frequentare luoghi al di  là dei propri pochi metri quadrati.

Diventa un problema anche solo condividere pasti o lavarsi,nonostante nulla manchi al loro fisico o al loro cervello.

Si rimane per quasi tutto il giorno al buio,illuminati solo dalle piccole luci artificiali dei dispositivi tecnologici.

Non si ha desiderio di vedere o incontrare nessuno,famiglia compresa.

Probabilmente tutto si deve alla società di oggi: assolutamente competitiva,velocissima e castrante e se non si è all’altezza dei parametri odierni , per giovani menti vulnerabili e fragili è un peso assai opprimente,tanto da crearsi un guscio in cui vivere e nascondersi.

Questo fenomeno sempre più dilagante sta approdando anche in Europa.

L’unica forma di relazione,di contatto di rete col mondo esterno sono i pc,i cellulari,i tablet che divengono vere e proprie dipendenze.

Tecnologia e disagio si incontrano in un connubio in questo caso a discapito della libertà,del normale sviluppo di un giovane normodotato.

La tecnologia supplisce al dovere e al bisogno di considerare la propria dimora come la base in cui tornare dopo una giornata socialmente attiva ,e non come la tana da cui non separarsi mai.

Ci sono genitori e famiglie intere che per questo motivo vengono messe duramente alla prova,si mettono in discussione,si incolpano di ciò che accade loro ponendosi molte domande e trovando poche risposte a un problema tanto inquietante quanto recentissimo e semisconosciuto.

Il problema andrebbe dunque affrontato senza giudizio sommario né stigmatizzazione,poiché non si tratta di capricci o mode transitorie bensì di profondi disagi emozionali e mentali.

Occorre dunque entrare in sintonia e in contatto con coloro i quali soffrono di tale situazione proprio entrando nel medesimo paradosso  che la situazione offre:passare per Internet,utilizzare chat,connettersi con Skipe per aprire uno spiraglio di speranza di ritorno ad una vita comune,sociale,condivisa.

Sfruttare dunque la parte buona di una stessa medaglia per cercare di porre rimedio a un fenomeno considerato dai più quasi di nicchia ma nella realtà sintomo di una società sempre più malconcia.

Cristina Tonelli

Posted by Michela Pagnini in News dal Mondo, Silenzio di Parole
Storie di vita, conflitti e racconti senza tempo

Storie di vita, conflitti e racconti senza tempo

Mi sento in dovere di parlare di storie di vita, lo faccio raccontando l’incontro avvenuto in Caritas il 18 Febbraio 2017 con la straordinaria partecipazione di Sebastiano Nino Fezza, noto reporter RAI, che ha raccolto per un lungo periodo le immagini di un’innumerevole elenco di conflitti;  spalleggiato dall’entusiasmo raggiante di un giovane fanese alla prime esperienze di viaggi oltre confine, Matthias Canapini, che non rispetta sicuramente i canoni di un ragazzo della sua tenera età, ma si mostra al contrario fortemente in ricerca di nuovi orizzonti e nuove avventure.

L’incontro si inserisce all’interno del ciclo di appuntamenti della Scuola di Pace che quest’anno affronta i temi dell’accoglienza, della nonviolenza e dei conflitti.

I reporter in questione hanno raccolto storie di vita non sempre piacevoli che noi occidentali abbiamo vissuto forse secoli fa. Sono storie di bambini, donne, uomini, anziani che si trovano immersi in atroci realtà senza neanche una possibilità di riscatto.
Sono storie di vita strappate precocemente all’universo, storie di sorrisi interrotti da conflitti radicati nelle culture dei popoli.

I bambini sono il volto della speranza, ma i più facili da strumentalizzare, come semplici armi da acquistare a poco prezzo, con intenti assai più grandi. Sono sale tolto alla terra, al futuro dei nostri prossimi.

Al quanto strano il mondo degli uomini, si identifica nel progresso pur allontanandosene abilmente.

Il compito che assolvono i più amorevoli di cuore, si identifica con il racconto  di storie assai lontane dal nostro quotidiano che se non narrate non esisterebbero.

Cristina Tonelli

Posted by Michela Pagnini in News dal Mondo