Immigrazione

CRESCE LA POPOLAZIONE MONDIALE, CRESCONO I MIGRANTI

 

Oltre 232 milioni di persone – più del 3% della popolazione mondiale – hanno
lasciato il proprio paese nel 2012 per vivere in un’altra nazione, mentre nel 2000
erano 175 milioni. La mobilità umana, dunque, sembra aumentare di pari passo
con la crescita della popolazione a livello mondiale. Si tratta di un numero che per
molti studiosi è sottostimato. Generalmente ci si concentra sui flussi migratori dal
Sud del mondo verso il Nord, mentre poco si parla degli spostamenti tra i paesi in
via di sviluppo e ancora meno della mobilità che si registra all’interno di una stessa
regione. In alcuni paesi come la Cina e l’India, ad esempio, le migrazioni interne
hanno numeri paragonabili a quelli delle grandi migrazioni internazionali. Le stime
di medio periodo dicono che, nell’arco di 25 anni, il numero di migranti dovrebbe
quasi raddoppiare, raggiungendo quota 400 milioni nel 2040. L’Europa e l’Asia –
con oltre 70 milioni di migranti ciascuno – sono i continenti che ospitano il
maggior numero di migranti, pari a circa i due terzi del totale mondiale entrambi.
In Europa le nazioni maggiormente attrattive sono la Germania e la Francia;
negli ultimi anni, però, hanno visto accrescere la presenza di migranti paesi come la Spagna e l’Italia che si attestano, ciascuna, su oltre 4 milioni di presenze.

Presentazione_Rapporto_immigrazione_MERISI

RapportoImmigrazione_2013

Sintesi_Rapporto_Immigrazione_2014

Presentazione_Rapporto_2014